Tag Archives: consumismo

Illusione del Consumismo

Da Bioetica vengo – purtroppo – a conoscenza di questa notizia riguardante uno degli esseri umani (?) più ricchi d’Italia:

Il taxi era una Fiat Marea uscita dalle sue fabbriche, dunque di sua proprietà.

Mentre tutti hanno criticato o almeno deriso (ah, stolti!) il baldo giovine per questa sua dichiarazione, io ho tentato di comprendere ciò che è davvero accaduto quella notte a Capri; una notte destinata ad entrare nei libri di storia, economia e filosofia.

Elkann è, in verità, un genio: ha reso esplicite le condizioni – finora taciute – del consumismo.

Il capitalista non è più solo colui che

  • possiede la fabbrica
  • possiede i mezzi di produzione
  • paga all’operaio un salario minore del valore del suo lavoro
  • vende la merce ad un prezzo che supera il valore del lavoro dell’operaio che l’ha prodotta
  • rende quindi possibile l’alienazione dell’operaio
    • dal prodotto del suo lavoro
    • dalla propria attività
    • dalla sua stessa essenza, cioè il lavoro libero
    • dal suo prossimo, cioè dal capitalista stesso

Il capitalista è anche e soprattutto colui che continua a possedere la merce prodotta, anche dopo che essa è stata venduta.

Finora, il consumismo ha avuto – tra le sue tante incertezze – almeno una regola: il consumatore compra e consuma la merce. Con Elkann anche quest’era è finita: il consumatore si illude di comprare e consumare.

In verità, in qualsiasi momento e con una qualsiasi scusa, il capitalista può citofonare a casa del consumatore e chiedergli indietro la merce.

Chi di voi ha in garage una Lancia, una Fiat o un’Alfa Romeo è avvisato.